Senza nome 1
   
 
 
 

PRIMA PAGINA I LA GUIDA DELL'UMBRIA I REGISTRATI I NEWSLETTER I SCRIVICI

 
 
 
 

minotauro

 
     

LABARBABIETOLA.IT

Occhiello

Cronaca

Eventi

Politica

Sport

Mostre

Religione

Cultura

Istituzioni

Concerti

Libri e editoria

Le perle della settimana

   
 
 
 

Eventi e Manifestazioni in corso

Mielinumbria

Fiera dei Morti

 

vuoi aggiungere un evento?
clicca qui

 
 
 

pubblicità 

 
     
     

Il Minotauro incanta spoleto

Festival dei Due Mondi, applaudite e convincenti le coreografie di Lucinda Childs: a portrait, che ha aperto la sezione danza

Carlo Roberto Petrini

Spoleto, 03/07/2018

Il Minotauro ha inaugurato la 61 ma edizione del Festival di Spoleto, tra le più antiche manifestazioni in Italia, che vede la partecipazione di tutte le espressioni artistiche. Apertura in grande stile. E’ ormai tradizione che a Spoleto giungano per la prima donne e uomini che hanno un ruolo di servizio nella società civile ed intellettuale.
Il Minotauro di Friedrich Dürrenmatt, opera lirica in 10 quadri, musica di Silvia Colasanti, giovane compositrice, acclamata in Italia e all’estero, è stato accolto al termine con un lungo applauso di approvazione. Ancora una volta Giorgio Ferrara, direttore artistico della kermesse menottiana, che ha curato la regia e redazione del testo dell’opera, conferma la sua bravura nel scegliere personalità del mondo della musica e dello spettacolo di notevole creatività artistica.
Il mito di un mostro terrificante si trasforma, in quest’opera, in un dramma “umano”, il dramma di un essere che ha a che fare con sé stesso, anzi con l’infinità di sé riflessi negli specchi del labirinto. A lui si contrappone l’uomo come reale carnefice – capace d’inganno e falsa amicizia – qui rappresentato da Teseo e Arianna. Un mito affascinante, riproposto in maniera moderna e con rispetto filologico dalla scrittura di Giorgio Ferrara e René Ceccatty.
Protagonisti di questa originalissima partitura musicale di Silvia Colasanti sono tre giovani cantati, bravissimi dal punto di vista canoro e dalle spiccate capacità attoriali. Straordinario Gianluca Margheri, baritono, superbo nel ruolo di Minotauro. Belle le voci del soprano Benedetta Torre nei panni di Arianna e del tenore Matteo Falcier, nelle vesti di Teseo. Un plauso all’Orchestra Giovanile Italiana, che, diretti da Jonathan Webb, hanno eseguito senza nessuna smagliatura la difficile partitura dell’opera. Eccellenti i componenti dell’International Opera Choir di Gea Gerotti. Davvero magistrali le parti raffiguranti le “vittime ateniesi”, interpretate dai ragazzi diplomati dell’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, che danno luogo a sorprendenti azioni sceniche, esaltate dalla armoniosa cromia dei costumi. Ha entusiasmato il pubblico la nuova impresa musicale di Colasanti, con echi che vanno dal primo novecento (tardo romanticismo) a Monteverdi nel recitar cantando. E’ vero quanto ha affermato il grande violinista Salvatore Accardo,“la musica di Silvia Colasanti arriva al pubblico emoziona per primi noi che la suoniamo”. Ampi consensi per la danza aperta dalle coreografie di Lucinda Childs, “sacerdotessa” della danza postmoderna e minimalista, che ha ricevuto il “Premio Fabiana Filippi”, alla prima edizione. Splendido il corpo di ballo che ha offerto nel suggestivo Teatro Romano una significativa rassegna di coreografie dal Radial Courses del 1976 al Canto ostinato del 2015. Che hanno segnato il percorso di ricerca coreutica originale di questa eccezionale artista, che aperto la strada alla “danza minimalista”. In scena i danzatori Robert Mark Burke, Katie Dorn, Katherine Helen Fisher, Kyle Gerry, Sarah Hillmon, Anne Lewis, Vincent McCloskey, Sharon Milanese, Patrick John O’Neill, Lonnie Poupard Jr., Caitlin Scranton, Shakirah Stewart.


 
 


 

 
 
   

 

Trevi - 02/10/2018

A Trevi per l’Ottobre torna il teatro dialettale

.. segue

 

Vallo di Nera - 20/05/2018

Al via la sedicesima edizione di "Fior di Cacio"

.. segue

 

Trevi - 15/05/2018

In scena al Clitunno di Trevi la brillante commedia in due atti “Un grazioso via vai”.

.. segue

 

Foligno - 26/11/2017

Grande successo per Expo ASL Cultura

.. segue

 

Campello sul Clitunno - 13/11/2017

Concluso il “Progetto Chef” al Molino sul Clitunno

.. segue

 

Spoleto - 01/11/2017

Cesare Augusto Detti, pittore spoletino divenuto famoso nella capitale parigina di fine Ottocento.

.. segue

 

Trevi - 27/10/2017

Giornata di studi in ricordo di Giorgio Leone.

.. segue

 

Spoleto - 27/10/2017

Mezz’ora dopo la chiusura dei Musei a Spoleto

.. segue

 

Spoleto - 17/10/2017

POMODORO . . . Arnaldo e Giò

.. segue

 

Spoleto - 12/10/2017

UNA PASSEGGIATA NELLA STORIA nuove vie...nuove storie

.. segue

     
  le ultime notizie di arte e cultura in umbria anche in RSS  
     
 
 
 
       

pubblicità

artroom
comunicazione
informale
 
 
     
 
     
Portale di informazione in Umbria, arte cultura e musei

www.labarbabietola.it 1999-2018 tutti i diritti riservati