LABARBABIETOLA

portale di informazione in Umbria

18

settembre 2009

Manolo Rivaroli in concerto a Montefalco

Montefalco

Eventi

In occasione dell'enologica30 dal 17 al 20 settembre 2009, l'artista folignate sarà impegnato in due concerti sabato 19 settembre, il primo alle 13 il secondo alle 20, presentando la sua opera "Ilsolenero": diario di bordo, un viaggio che si snoda tra l

In occasione della Enologica30 a Montefalco dal 17 al 20 settembre concerti e vino per centenario del futurismo. Infatti, sedici concerti accompagneranno le degustazioni dei piatti futuristi presso i ristoranti e le enoteche che hanno aderito alla manifestazione. Otto musicisti si incontreranno, suonando in solo, o in duo: Alessandro Bravo, Piano Fender Rhodes; David Brutti, Sassofoni, Electronics; Rossano Emili, Sax Baritono, Clarinetti; Filippo Fanò, Piano; Matteo Marcucci, Chitarra, Electronics; Emanuele Morbidini, Sassofoni; Manolo Rivaroli, Voce, Percussioni; Pedro Spallati, Sassofoni. I concerti piu’ attesi sono quelli di sabato 19 settembre: il primo alle 13, il secondo alle 20. Alle ore tredici al Ristorante Villa Pambuffetti il duo Manolo Rivaroli - Filippo Fanò, eseguirà brani tratti dal repertorio operistico, come E Lucevan Le Stelle (di Giacomo Puccini), o Habanera (di Georges Bizet), e dal repertorio classico del novecento come Gnossienne n°1 (di Erik Satie), ed inoltre standards Jazz, Bossanove e Choro. Il duo che suona insieme in altri progetti (tra i quali ricordiamo “in aria project” ed “Ethnet.4”) debutterà proprio in quest’occasione. La rinomata bravura del pianista perugino, che possiamo considerare uno dei più dotati in umbria, e l’incredibile versatilità della voce di Manolo Rivaroli che passa con estrema fluidità dai registri di contralto e soprano a quelli di tenore, dalle vocalità jazz all’improvvisazione, daranno origine ad un’ imperdibile performance. L’altro concerto alle ore 20 presso il Ristorante Aurum Palazzo Bontadosi. L’ originalissimo ed ardito duo, composto da Rossano Emili, (Sassofono baritono, Clarinetti) e Manolo Rivaroli, (Voce, Percussioni, Tampura), eseguirà brani originali (tratti dal progetto “ilsolenero” di Manolo Rivaroli, riarrangiati per l’occasione), e musiche etniche della tradizione Rom, Armena ed Ebraica, passando attraverso improvvisazioni estemporanee di stampo più “futurista”. Ilsolenero: diario di bordo. Un viaggio che si snoda tra luoghi reali e luoghi emotivi, in cui la descrizione di ciò che si vede lascia il posto alle emozioni suscitate da quei luoghi e dal motivo più intimo del viaggio ovvero la fuga, la ricerca, la paura di non ritrovare mai più ciò che si è perso. Dal punto di vista musicale, possiamo considerarlo un vero e proprio esperimento; dall’inizio alla fine si viaggia sempre a cavallo tra musica contemporanea, teatro, ricerca vocale, narrazione e musica etnica.

Oggi in edicola

23

08/2019

Fontemaggiore Centro di produzione Teatrale per il progetto di diffusione teatrale nei territori del cratere

Monteleone di Spoleto

Teatri

Nuovo appuntamento per “…Arriva il teatro!”, il progetto di diffusione teatrale nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, curato da Fontemaggiore Centro di produzione Teatrale e sostenuto dal Ministero ... segue

22

08/2019

ESTATE TRA LE VIGNE: NUOVO APPUNTAMENTO CON SAGRANTINO EXPERIENCE

Cannara

Manifestazioni

Conoscere e apprezzare paesaggi e produzioni enologiche nelle terre che ospitano il vitigno Sagrantino. Con questo obiettivo l’associazione Strada del Sagrantino ha messo a punto un cartellone di appu ... segue

21

08/2019

CONTINUANO I CONCERTI AL FESTIVAL FEDERICO CESI: A SUONARE È LA CHITARRA

Trevi

Concerti

– Il Festival Federico Cesi musica urbis è pronto ad aprire le porte alla Settimana della chitarra e prosegue nel solco di una tradizione che vede convivere ‘più anime’ al suo interno: quella barocca ... segue

20

08/2019

A MONTELUCO LO SPETTACOLO “FRANCESCO NEL BOSCO SACRO”

Spoleto

Teatri

È in programma sabato 24 agosto alle ore 18.30 lo spettacolo “Francesco nel Bosco Sacro”. Presente nel cartellone di eventi “Spoleto d’Estate 2019”, l’evento si terrà nella splendida cornice del Bosco ... segue

20

08/2019

VISIONI D’AUTORE, RASSEGNA SUL CINEMA AUTORIALE ITALIANO

Spoleto

Cultura

Proseguono alla Sala Pegasus gli appuntamenti con Visioni d’Autore, rassegna sul cinema autoriale italiano. Domenica 25 agosto 2019 alle ore 21:00 sarà ospite in sala per incontrare il pubblico la reg ... segue

20

08/2019

ECOCAMMINATA SULLA FASCIA OLIVATA ASSISI-SPOLETO

Spoleto

Eventi

Aperte le iscrizioni per l'ormai famosa “Ecocamminata sulla fascia olivata Assisi-Spoleto”, in programma quest'anno interamente in territorio spoletino, domenica 29 settembre. La manifestazione eco fr ... segue

20

08/2019

Trevi: doppia replica con Flavio Insinna in scena con “La macchina della felicità”

Trevi

Teatri

Doppia replica per un pieno di allegria e divertimento con Flavio Insinna, accompagnato dal vivo dalla sua piccola orchestra, in scena con “La macchina della felicità”. Lo spettacolo, in programma mer ... segue

20

08/2019

LEONARDO DA VINCI: SULLE TRACCE DEL GENIO

TERNI

Cultura

Nell’ambito degli appuntamenti dedicati a Leonardo da Vinci in occasione del cinquecentenario della sua morte, dopo la grande mostra cartografica “Sulle tracce del genio. Mappe e cosmografie ai tempi ... segue

20

08/2019

ESTATE SANT’ANATOLIA DI NARCO CON IL TEATRO DI FIGURA UMBRO E LETTURE SOTTO LE STELLE

Sant Anatolia di Narco

Manifestazioni

Continua la rassegna di eventi targati Estate Sant’Anatolia di Narco, la manifestazione organizzata dal Comune, in collaborazione con il Museo della canapa e l’associazione turistica Pro Narco, e real ... segue

14

08/2019

Il FESTIVAL FEDERICO CESI INCONTRA IL BAROCCO

Trevi

Concerti

Dopo la pausa di metà agosto il Festival Federico Cesi (FFC) ha ricaricato le energie ed è pronto a offrire tanti eventi ispirati alla musica barocca, ma non solo, tra Trevi, Spello, Amelia e Acquaspa ... segue

14

08/2019

MONTEFALCO E IL SAGRANTINO, LEGAME DA SCOPRIRE CON ‘SAGRANTINO EXPERIENCE’

Montefalco

Manifestazioni

Quello che unisce Montefalco e il Sagrantino è un legame identitario da secoli e il prossimo appuntamento di ‘Sagrantino Experience’ è dedicato ad approfondirlo attraverso l’arte, la storia e la cultu ... segue

14

08/2019

IL NUOVO VOLTO DI PALAZZO COLLICOLA PIACE AI VISITATORI

Spoleto

Musei

Palazzo Collicola, a poco più di un mese dall'inaugurazione del nuovo volto della Galleria d’Arte Moderna G. Carandente ha visto un rilevante aumento delle presenze pari al 27% (stesso periodo 2018), ... segue

14

08/2019

AVVIO PROCEDURA DI GARA PER RIPARAZIONE E MIGLIORAMENTO SISMICO IMMOBILI DEL MONASTERO DELLA STELLA

Spoleto

Approfondimenti

L’importo dei lavori da appaltare è di circa 2milioni e 400euro, sulla base di un finanziamento di 3 milioni stanziati dalla Regione Umbria. 630 sono i giorni di lavoro per effettuare un’operazione c ... segue

le ultime notizie di arte e cultura in umbria anche in RSS

Fontemaggiore Centro di produzione Teatrale per il progetto di diffusione teatrale nei territori del cratere

Monteleone di Spoleto e 23/08/2019
Nuovo appuntamento per “…Arriva il teatro!”, il progetto di diffusione teatrale nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, curato da Fontemaggiore Centro di produzione Teatrale e sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Progetto che vede nel 2019 il coinvolgimento di ben 10 comuni del “cratere” umbro con spettacoli e laboratori teatrali, tutti gratuiti.
Uno spettacolo, liberamente tratto dal Don Giovanni di Moliière, in cui teatro e musica dialogano attraverso una recitazione cantata e accompagnata dal suono del synth, delle percussioni e della chitarra elettrica per raccontare le vicende e le avventure di un coraggioso seduttore che sfida il Cielo, arrivando a confrontarsi con la morte.
Accanto a Don Giovanni troviamo Sganarello, un servo che sostiene e consiglia il suo signore. E troviamo molte donne verso cui Don Giovanni si comporta con ambivalenza e provocazione.
Soltanto Donna Elvira riesce a trasformare un animo inquieto in un’occasione di conversione.

ESTATE TRA LE VIGNE: NUOVO APPUNTAMENTO CON SAGRANTINO EXPERIENCE

Cannara e 22/08/2019
Conoscere e apprezzare paesaggi e produzioni enologiche nelle terre che ospitano il vitigno Sagrantino. Con questo obiettivo l’associazione Strada del Sagrantino ha messo a punto un cartellone di appuntamenti che proseguiranno fino a fine settembre: si tratta di ‘Sagrantino experience’ che per domenica 25 agosto ha in serbo un appuntamento ‘tutto da camminare’ e cioè ‘Sagrantino trek tour’, in programma alla Cantina Di Filippo, a Vocabolo Conversino di Cannara. Il percorso, di circa due ore, prevede una visita guidata e degustazione dei vini di produzione abbinati a una merenda tipica in cantina ed è realizzato con la collaborazione della guidata escursionistica e ambientale Cristiano Ceppi di Mtb Trekking Valle Umbra. Si parte alle 9 per affrontare un circuito ad anello (partenza e arrivo alla cantina Di Filippo) di quasi cinque chilometri, per un dislivello di 150 metri. Il percorso è adatto a tutti ma c’è bisogno di alcune accortezze: indossare un abbigliamento comodo sportivo, scarpe da trekking, cappello e zaino con acqua. Il trek tour ha un costo di 18 euro (tre euro per i minori di 18 anni). Per informazioni e prenotazioni: 0742.378490, info@stradadelsagrantino.it e vinidifilippo.com.

CONTINUANO I CONCERTI AL FESTIVAL FEDERICO CESI: A SUONARE È LA CHITARRA

Trevi e 21/08/2019
– Il Festival Federico Cesi musica urbis è pronto ad aprire le porte alla Settimana della chitarra e prosegue nel solco di una tradizione che vede convivere ‘più anime’ al suo interno: quella barocca si fonderà proprio con la chitarra giovedì 22 agosto nella location spellana di Villa dei Mosaici nel concerto ‘Danze e arie dalle corti d’Europa’. Protagonisti saranno Rosario Cicero, virtuoso della chitarra barocca, collaboratore della Cappella della Pietà dei turchini di Napoli con la partecipazione straordinaria del soprano Annalisa Pellegrini. Da Spello a Trevi, venerdì 23 agosto, per un concerto tutto al femminile: alle 21.30 l’Auditorium San Francesco ospiterà ‘Chi ha paura della musica contemporanea’, concerto multimediale con il soprano Barbara Vignudelli e la chitarrista Monica Paolini. Bolognese di nascita, Vignudelli si è diplomata in Canto lirico e Musica vocale da camera, conseguendo poi il diploma accademico di secondo livello presso il Conservatorio ‘Giuseppe Verdi’ di Milano con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Tantissime le collaborazioni, così come per la Paolini, pluripremiata in importanti concorsi (‘Ville de Carpentras’, in Francia; ‘Certamen internacional Francisco Tarrega’ di Benicàsim, in Spagna; Concorso internazionale ‘Città di Alessandria’) e docente presso il Conservatorio ‘Francesco Venezze’ di Rovigo.
Sabato 24 agosto sarà la volta di un altro grande musicista, Francesco Buzzurro, chitarrista siciliano definito dal maestro Ennio Morricone ‘tra i più grandi al mondo perché capace di far fruire a tutti la musica colta’. Buzzurro vanta collaborazioni di livello internazionale con artisti del calibro di Bireli Lagrene, Richard Bona, Toots Thielemans, Diane Schurr, Arturo Sandoval, Renzo Arbore, Lucio Dalla, Ornella Vanoni, Fabio Concato, Antonella Ruggiero solo per citarne alcuni.
Il concerto ‘One man band’ è in programma alle 21.30 all’Auditorium san Francesco: sarà l’occasione per ascoltare il suo stile unico di improvvisazione, non esente da contaminazioni di bossanova, musica etnica e latin-jazz. Sempre in Auditorium si esibirà il duo chitarristico Andrea Pace e Cristiano Poli Cappelli (ad oggi considerato come uno dei duo chitarristici più importanti in campo internazionale) lunedì 26 agosto alle 21.30 con musiche di Piazzolla, Mario Castelnuovo-Tedesco & Mario Gangi.
Restando in campo internazionale, la stessa location vedrà esibirsi martedì 27 alle 21.30 il montenegrino Goran Krivokapic, vincitore di oltre 25 competizioni internazionali e acclamato in tutto il mondo come virtuoso assoluto dello strumento classico, mentre mercoledì 28 ore 18 a Spello, nel chiostro dei Cappuccini, ci sarà spazio per i talenti del Fabrica Harmonica Giovani che si esibiranno in un recital dedicato alla chitarra con alcuni dei più famosi brani di repertorio per lo strumento a sei corde. Le degustazioni continuano mercoledì 28 agosto nell’ambito della ‘Guitar night’, in programma a Villa Fabri a partire dalle 21.30, dove è prevista una degustazione di birra artigianale al sedano nero de ‘La piccola Brasserie’ di Trevi. Tra gli eventi collaterali, inoltre, il festival Federico Cesi ospita, sabato 24 e domenica 25 agosto sempre a Villa Fabri, la mostra internazionale di liuteria, con degustazione di olio trevano. Il Barocco, infine, tornerà a farsi sentire nel concerto di domenica 25 agosto alle 21.30, ‘Purcell zone’, in programma al Teatro sociale di Amelia: gli spettatori potranno assistere alla eccezionale performance di Ashley Solomon, caposcuola mondiale del flauto traversiere, con il soprano Annalisa Pellegrini e la partecipazione del CivicAntiqua Ensemble.

A MONTELUCO LO SPETTACOLO “FRANCESCO NEL BOSCO SACRO”

Spoleto e 20/08/2019
È in programma sabato 24 agosto alle ore 18.30 lo spettacolo “Francesco nel Bosco Sacro”. Presente nel cartellone di eventi “Spoleto d’Estate 2019”, l’evento si terrà nella splendida cornice del Bosco Sacro di Monteluco.

Scritto e interpretato da Stefano de Majo lo spettacolo in oltre tre anni di repliche è stato rappresentato numerose volte in teatri, piazze e basiliche anche con l'apporto di orchestre di 80 elementi.

La piéce, spesso accompagnata da orchestre e cori nelle basiliche, inaugurò il ripristino di piazza San Francesco a Terni e, lo scorso 15 luglio, è stata replicata anche in Francia nella lingua provenzale cara a Francesco. Questa estate tra le numerose rappresentazioni è stata anche presentata in esclusiva per una troupe del The Guardian di Londra che sta scrivendo un articolo sul cammino di Francesco in Valnerina.

Le musiche dal vivo sono di Fabrizio Longaroni (pianoforte, tromba e voce. Tra le sue esperienze artistiche collaborazioni con Ennio Morricone, Franco Zeffirelli ed Amy Stewart) e di Gustavo Gasperini (violino. Numerosissime collaborazioni internazionali, già nell'organico del teatro San Carlo di Napoli e attualmente impegnato con Gino Paoli e l'Orchestra da Camera di Perugia).

Autore e attore Stefano de Majo (formatosi alla scuola di Teatro di Anna D'Abbraccio ha recitato con Gastone Moschin, Edoardo Siravo, Ben Gazzara, Francesco Salvi, Vanessa Gravina, Fabio Bussotti, Eleonora Giorgi, Serena Grandi, autore di due romanzi, due raccolte di racconti e poesie).

Note di produzione
Uno spettacolo profondo e poetico, divertente e originale nello stile tipico di Francesco.
Una piéce teatrale per attore e duo musicale nella cornice unica del Bosco Sacro di Monteluco, dove avvenne la conversione del Poverello d"Assisi. Sarà lo stesso Francesco vivo e reale nel suo umile saio e a piedi nudi, a rievocare in prima persona la sua esperienza terrena forsennata e dissoluta fino al suo incontro folgorante con il Bosco Sacro di Monteluco ove udì per la prima volta la voce di Dio.

Lo spettacolo spesso è stato rappresentato in luoghi in cui il Santo ha vissuto momenti particolarmente importanti della sua fede e così ha dato voce, come nel caso di Monteluco al genius loci che ancora vi alberga.

Un Francesco dunque capace di essere ancora oggi un moderno ambasciatore del territorio umbro nel mondo, oltre che un rivoluzionario precursore del valore ecumenico che deve unire tutte le religioni sotto un unico Dio. La conclusione dello spettacolo unirà le tre principali religioni monoteiste in una sola preghiera scritta da Francesco 800 anni fa e straordinariamente attuale oggi, dal grande impatto emotivo e spirituale a testimoniare quanto viva riecheggi ancora la voce di Francesco nel suo Bosco Sacro di Monteluco a Spoleto.
Tra le ulteriori repliche in programma si segnala il prossimo 4 ottobre una rappresentazione anche in Bielorussia.

VISIONI D’AUTORE, RASSEGNA SUL CINEMA AUTORIALE ITALIANO

Spoleto e 20/08/2019
Proseguono alla Sala Pegasus gli appuntamenti con Visioni d’Autore, rassegna sul cinema autoriale italiano. Domenica 25 agosto 2019 alle ore 21:00 sarà ospite in sala per incontrare il pubblico la regista LAURA LUCHETTI per la presentazione del film “Fiore Gemello”

“Fiore Gemello” racconta la vicenda di Basim, un immigrato clandestino proveniente dalla Costa d’Avorio e di Anna, la figlia di un trafficante di migranti. In fuga attraverso i paesaggi misteriosi e bellissimi della Sardegna, troveranno insieme, nell’amore l’uno per l’altra, la forza per camminare verso il futuro, senza più guardarsi alle spalle.

La regista Laura Luchetti ha diretto cortometraggi, video musicali, spot pubblicitari, documentari, spettacoli teatrali. Il suo primo film, “Febbre da fieno”, ha partecipato a numerosi festival internazionali. Ha diretto due cortometraggi in stop motion: “Bagni”, candidato al Nastro d’argento, e “Sugarlove”, appena presentato alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia.
Il suo secondo lungometraggio “Fiore gemello” (il cui copione era stato selezionato nel 2015 all’Atelier della Cinéfondation del Festival di Cannes e al Sundance Screewriters Lab), ha avuto la sua prima mondiale all’ultimo Festival di Toronto.

Visioni d’Autore è organizzato da Comune Di Spoleto, MAIA Associazione Culturale e Cinéma Sala Pegasus.

ECOCAMMINATA SULLA FASCIA OLIVATA ASSISI-SPOLETO

Spoleto e 20/08/2019
Aperte le iscrizioni per l'ormai famosa “Ecocamminata sulla fascia olivata Assisi-Spoleto”, in programma quest'anno interamente in territorio spoletino, domenica 29 settembre. La manifestazione eco friendly, organizzata come sempre dal Panathlon International Club Clitunno, patrocinata dal Comune di Spoleto ed inserita nel cartellone di eventi “Spoleto d’Estate 2019”, prevede due percorsi: la “Walk family” di 10 km, con partenza prevista alle ore 9.30 e la “Ecocamminata di 30 km”, con partenza prevista alle ore 7.30.

La “Walk Family” sarà un percorso ad anello che, dal centro storico di Spoleto, passerà per la Chiesa di San Pietro, l’Eremo di S. Antonio, il Fortilizio dei mulini, il Giro dei condotti, la Chiesa di San Ponziano, la Basilica di San Salvatore (sito Unesco) ed il tratto della ex ferrovia Spoleto-Norcia; l’”Ecocamminata di 30 km” interesserà il centro storico di Spoleto, la Chiesa di San Pietro, Giro dei condotti, Borgiano, tratto della ex ferrovia Spoleto-Norcia, Colle Marozzo, Eggi, sentiero degli ulivi, Santa Maria Reggiana, Cortaccione, Madonna di Lugo, con ritorno al centro storico di Spoleto.

La manifestazione mantiene invariato il suo obiettivo filantropico in campo sportivo ed è aperta a tutti coloro che hanno compiuto il 18° anno di età (i minorenni possono partecipare solo se accompagnati da un adulto).

Le iscrizioni online potranno essere effettuate tramite il sito http://www.ecocamminatafasciaolivata.it oppure possono essere consegnate allo I.A.T. Ufficio Informazione Turistiche del Comune di Spoleto (Corso Mazzini – Largo Ferrer), all’edicola di Baiocco Daniela in loc. Borgo Trevi o al Top Runners di Foligno (via monte acuto, 7).

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito https://ecocamminatafasciaolivata.it/

Trevi: doppia replica con Flavio Insinna in scena con “La macchina della felicità”

Trevi e 20/08/2019
Doppia replica per un pieno di allegria e divertimento con Flavio Insinna, accompagnato dal vivo dalla sua piccola orchestra, in scena con “La macchina della felicità”. Lo spettacolo, in programma mercoledì 21 agosto al Teatro Clitunno di Trevi alle ore 18 e alle ore 21.30, è organizzato dal Comune di Trevi e da Fontemaggiore Centro di Produzione Tetrale, che gestisce il teatro comunale e ne cura la stagione di prosa. Uno spettacolo ricco di comicità, di racconti e di canzoni intrecciato alla trama dell’omonimo romanzo scritto dallo stesso Flavio e scandito dalla storia d’amore tra i due protagonisti Laura e Vittorio. “Chi di voi è felice? Chi è felice alzi la mano!” : Da questa provocazione il popolare attore parte alla ricerca della felicità, cercandola nelle piccole cose (che poi tanto piccole non sono) e nelle cose grandi (che poi tanto grandi non sono), sempre col sorriso, tutti insieme appassionatamente, mano per mano con il pubblico, come in un grande pranzo di Ferragosto passato a ridere in compagnia di chi ti vuole bene. E’ un modo per festeggiare la vita, l’amicizia, la famiglia e le tradizioni, ridendoci su, prendendoci un po’ in giro, ma sempre con lo sguardo innamorato.

LEONARDO DA VINCI: SULLE TRACCE DEL GENIO

TERNI e 20/08/2019
Nell’ambito degli appuntamenti dedicati a Leonardo da Vinci in occasione del cinquecentenario della sua morte, dopo la grande mostra cartografica “Sulle tracce del genio. Mappe e cosmografie ai tempi di Leonardo”, un nuovo appuntamento, dall’elevatissima portata storica, avrà luogo a Civitella del Lago, Comune di Baschi (TR).
E’ in programma infatti per il 22 Agosto alle ore 18:00, presso la Sala Brizzi di Civitella del Lago (TR) la prima conferenza in Italia del prof. Stefaan Missinne dedicata a “Il mappamondo di Leonardo da Vinci del 1504”.
Saranno presenti al prestigioso evento il Soprintendente ai Beni archivistici e bibliografici dell’Umbria e delle Marche dott.ssa Giovanna Giubbini, il Sindaco di Baschi Damiano Bernardini, Emilio Moreschi Presidente dell’Associazione Roberto Almagià, e lo storico dell’arte Luca Tomìo.
La conferenza è organizzata dall’Associazione Culturale CivitellArte, dall’Associazione Roberto Almagià e dal Comune di Baschi che, per la prima volta, ha voluto essere parte attiva nella realizzazione di un evento di enorme portata culturale, che non poteva non essere ospitato a Civitella del Lago, delizioso borgo medievale che vanta una tradizione di importanti mostre di Cartografia Antica e un legame particolare con le uova dipinte, come testimonia la presenza del Museo dell’Ovo Pinto, unico al mondo nel suo genere.
L’evento gode del patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Terni, Cambridge Scholars Publishing, dal Museo Ovo Pinto, Rete Musei Umbria Lazio ed è sponsorizzato da Liberovo, azienda agricola locale che produce uova biologiche da allevamenti in libertà.
Il Globo al quale si riferisce il titolo è un mappamondo formato da due semisfere, ottenute dalla parte inferiore di due uova di struzzo, provenienti dall’antica Struzzeria una volta presente nei giardini del castello Visconteo di Pavia. Realizzato a mano, sulla sua superficie viene raffigurato per la prima volta, seppur in modo parziale, il continente americano. Ma non basta, l’oggetto, già per le sue caratteristiche preziosissimo, può essere stato realizzato, come già accennato, addirittura dalla mano del genio di Vinci. Nell’appuntamento di Civitella del Lago infatti, per la prima volta in Italia, il collezionista belga illustrerà gli esiti di sei anni di intense ricerche che lo hanno condotto a ritenere che il mappamondo realizzato con uova possa essere stato frutto della mano del grande genio di Vinci.
Il Mappamondo Da Vinci, scoperto dal collezionista belga Prof. Dr. Stefaan Missinne a Londra nel 2012, è un piccolo manufatto rinascimentale italiano di straordinaria importanza, risale al 1504 ed è il prototipo del mappamondo Lenox, realizzato mediante fusione in rame e conservato alla New York Public Library.
Questo mappamondo, su cui non compare la tradizionale croce, è da ritenersi un oggetto profano che pone l’osservatore di fronte ad un concetto del tutto nuovo nell’ambito degli studi sul Rinascimento italiano: esso testimonia infatti la più antica rappresentazione del Nuovo Mondo, nella sua parte centro-meridionale, su di un oggetto che possa essere tenuto sul palmo di una mano.
E’ il primo mappamondo su cui si possano trovare incisi i nomi di nazioni come, tra le altre, l’Italia, il Brasile, La Germania, la Gallia, la Russia, l’Anglia, la Scozia, l’Armenia e la Giudea.
Nel Codex Arundel, attualmente conservato presso la British Library, è stato scoperto dal Prof. Dr. Stefaan Missinne un disegno preparatorio di Leonardo per il suo mappamondo, risalente al 1503, relativo alle coste del Nuovo Mondo e dell’Africa, ciò testimonia in maniera inconfutabile il fatto che Leonardo Da Vinci fosse informato in merito alla scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo e soprattutto del concittadino Amerigo Vespucci.
In passato, il disegno in questione fu erroneamente interpretato come una raffigurazione della superficie della Luna.
Durante il suo soggiorno fiorentino nel 1504, il genio vinciano scrisse nel codice Atlantico la frase “… el mio mappamondo che ha Giovanni Benci…” menzionando il desiderio che l’oggetto gli fosse restituito da parte dell’amico Giovanni Benci, che lo aveva presso di sé.
Dalle analisi che sono state condotte sull’oggetto e da sei anni di intense ricerche, tante sono le prove inconfutabili, pubblicate dalla Cambridge Scholar Publishing nel 2018, che l’oggetto sia stato creato dalla mano di Leonardo.
Il mappamondo Da Vinci, è stato realizzato da un artista mancino, come sappiamo esser stato Leonardo, ed è costellato di immagini quali navi, un vulcano, marinai, un mostro marino, pentimenti, rappresentazioni di onde, montagne, fiumi, linee costiere, burle, la linea del Trattato di Tordesillas (risalente al 1494) ed un anagramma a struttura triangolare. Tutti questi elementi condurranno i partecipanti attraverso un affascinante viaggio fatto di mappe, rebus, simboli iconografici e frasi enigmatiche come “Hic sunt dracones”.
Il prof. Stefaan Missinne è Presidente onorario dell’Associazione Austria-Belgio e Fellow della Royal Geographical Society di Londra dove, il prossimo 28 Agosto, tornerà ad esporre quanto emerso dalle sue ricerche sul Globo di Leonardo.

ESTATE SANT’ANATOLIA DI NARCO CON IL TEATRO DI FIGURA UMBRO E LETTURE SOTTO LE STELLE

Sant Anatolia di Narco e 20/08/2019
Continua la rassegna di eventi targati Estate Sant’Anatolia di Narco, la manifestazione organizzata dal Comune, in collaborazione con il Museo della canapa e l’associazione turistica Pro Narco, e realizzata con il contributo del Gal Valle umbra e Sibillini, che animerà il borgo della Valnerina fino al 21 settembre. Dopo il successo di Radio tele Narco, il secondo appuntamento in cartellone sarà con il Teatro di figura umbro e lo spettacolo ‘La grande sfida del riccio e la lepre’, in scena giovedì 22 agosto alle 18.30 in piazza Corrado. La serata sarà una tappa di ‘Figuratevi…di essere bambini in Valnerina’, festival nazionale di spettacoli, laboratori e giochi dedicato ai bambini e alle loro famiglie. Un ricco contenitore che prevede numerose iniziative tra spettacoli di burattini, teatro per ragazzi, concerti e animazioni urbane. “Attraverso un divertimento sano e divertente – spiegano gli organizzatori – il festival è capace di rendere l’infanzia protagonista ed è sicuramente uno dei più importanti eventi rivolti ai più piccoli che si svolge in Italia e in Europa”. In questo caso ‘Figuratevi…di essere bambini in Valnerina’ lancia un ulteriore messaggio di speranza per il futuro di queste zone colpite dal terremoto del 2016. Inserito nel programma del Ministero per i beni e le attività culturali e della Regione Umbria per i progetti di attività culturali nei territori colpiti dal sisma, il festival ha infatti come obiettivo il rilancio del turismo di quest’area. Il Teatro di figura umbro vuole in questo modo rendere omaggio alle popolazioni e dare un contributo a questi territori anche attraverso il gioco e la spensieratezza dei bambini, che saranno gli adulti di domani.
Lo spettacolo teatrale ‘La grande sfida del riccio e la lepre’ sarà seguito alle 20 dall’Apericena narcano con la musica dal vivo di Rita.
Il programma di Estate Sant’Anatolia di Narco proseguirà venerdì 23 agosto con ‘La trama del racconto’, letture ad alta voce sotto le stelle di storie e leggende della Valnerina fatte dagli abitanti del piccolo borgo umbro. L’appuntamento è alle 21 in piazza Comune vecchio, dove verranno letti dei passi tratti da ‘L'uomo che piantava gli alberi’, toccante racconto dello scrittore francese Jean Giono. La serata è uno spunto di riflessione sul tema della narratività e punta a coinvolgere gli spettatori alla lettura ed educare all’ascolto.
Per informazioni seguire la pagina Facebook Museo della canapa, contattare lo 0743.788013 o scrivere a info@museodellacanapa.it.

Il FESTIVAL FEDERICO CESI INCONTRA IL BAROCCO

Trevi e 14/08/2019
Dopo la pausa di metà agosto il Festival Federico Cesi (FFC) ha ricaricato le energie ed è pronto a offrire tanti eventi ispirati alla musica barocca, ma non solo, tra Trevi, Spello, Amelia e Acquasparta. Proprio da Acquasparta riparte sabato 17 agosto con un omaggio a Leonardo da Vinci, di cui quest’anno ricorre il cinquecentenario della morte: alle 21.30 i Giardini di Palazzo Cesi ospiteranno ‘Il Bestiario di Leonardo da Vinci’, concerto del Guitalian Quartet con Guido Fichtner, Claudio Marcotulli, Stefano Palamidessi, Adriano Walter Rullo, che renderà omaggio al grande genio e al suo Bestiario con brani musicali e video-proiezioni. Da Leonardo si passa a un altro illustre scienziato, fondatore dell’Accademia dei Lincei nonché ‘padre spirituale’ del FFC: domenica 18 alle 18, all’auditorium Matteo d’Acquasparta si terrà infatti la ‘Conferenza introduttiva su Federico Cesi e Accademia dei Lincei’. A relazionare sulla figura straordinaria di questo uomo che ebbe il merito di dare vita, insieme ad altri, a un’accademia unica al mondo (la prima che si proponeva lo studio delle ‘scienze meno coltivate’, dall’astronomia alla botanica, e più in generale lo studio della natura nel suo insieme) sarà principalmente Don Alessandro Fortunati, vicario episcopale per la cultura della Diocesi di Orvieto-Todi. L’approfondimento culturale sarà seguito da una degustazione di vino biologico della tenuta Ponziani di Orvieto che accompagnerà gli ospiti verso il concerto delle 21.30, in un crescendo di emozione per la presenza della soprano Emma Kirkby, gradito ritorno del FFC, che insieme a Elisabetta Ferri (clavicembalo) e Simone Clavecchi (liuto e chitarra barocca) porterà in scena ‘La musica all’epoca dei Lincei’. Kirkby, che nella classifica del BBC Music Magazine dell’aprile 2007 è risultata decima tra le venti soprano più grandi del mondo, ha all’attivo oltre cento registrazioni di diversi generi musicali, dai madrigali di compositori italiani alle musiche del rinascimento inglese, dalle cantate e oratori dell’era barocca a musiche di Mozart, Haydn e Bach. Si prosegue, poi, sul filo conduttore del Barocco con appuntamenti a Trevi (lunedì 19 e martedì 20 agosto) e Spello (giovedì 22 agosto) per il ‘Festival Federico Cesi Music urbis’: lunedì alle 21.30 al Chiostro di San Francesco ci sarà il concerto ‘Classico e neobarocco’, con musiche di Beethoven, Grieg e Debussy, eseguite dal pianista Fiorenzo Pascalucci, musicista dalla caratura internazionale che per i suoi meriti artistici ha ricevuto in Quirinale il premio ‘Giuseppe Sinopoli’. Martedì ‘Sospetto, tradimento & gelosia, ovvero la parabola delle corna tra Sei e Settecento’, che vedrà esibirsi Rita Alloggia (soprano), Giorgio Matteoli (flauti dolci e maestro di concerto), Stefano Aiolli (violoncello barocco) e Luca Ambrosio (clavicembalo), mentre giovedì la location spellana di Villa dei mosaici ospiterà ‘Danze e arie dalle corti d’Europa’, voci e chitarre barocche: tra gli interpreti ‘brillerà’ Rosario Cicero, famoso chitarrista barocco, collaboratore della Cappella della Pietà dei turchini di Napoli, e vi prenderà parte Annalisa Pellegrini, soprano specializzato in Musica sacra, tra le prime donne a essersi esibita come solista alla presenza dei papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI in Vaticano. Il Barocco tornerà a farsi sentire nel concerto di domenica 25 agosto, ‘Purcell zone’, in programma al Teatro sociale di Amelia: gli spettatori potranno assistere alle performance vocali di Annalisa Pellegrini e del traversiere Ashley Solomon, accompagnati dalla CivicAntiqua Ensemble. Solomon è docente e capo del Dipartimento di musica antica al Royal college of music di Londra (Rcm) e si esibisce a livello internazionale come direttore, flauto barocco e flauto dolce solista dell’Ensemble Florilegium, attualmente uno dei più rinomati in tutto il mondo. La sua è una carriera di successo che coniuga didattica e pratica strumentale concertistica: molto richiesto come insegnante è sicuramente un prestigio per il FFC averlo tra i suoi ospiti.

MONTEFALCO E IL SAGRANTINO, LEGAME DA SCOPRIRE CON ‘SAGRANTINO EXPERIENCE’

Montefalco e 14/08/2019
Quello che unisce Montefalco e il Sagrantino è un legame identitario da secoli e il prossimo appuntamento di ‘Sagrantino Experience’ è dedicato ad approfondirlo attraverso l’arte, la storia e la cultura vitivinicola del territorio. Domenica 18 agosto è infatti in programma ‘Montefalco trek wine’ a Montefalco, un percorso turistico adatto a tutti che partirà dal Complesso museale di san Francesco alle 11. Dagli affreschi di Benozzo Gozzoli che ritraggono la valle spoletana e la città di Montefalco alle antiche cantine francescane che il museo ospita fino ai vigneti secolari sulle colline che cingono il paese, sono tanti gli elementi che si potranno apprezzare e che richiamano il legame tra il pregiato vino e il territorio in cui cresce il vitigno autoctono Sagrantino da cui si produce. L’iniziativa prevede anche una degustazione guidata nell’enoteca del museo e avrà una durata complessiva di circa un’ora e mezza. Il costo è di 12 euro a persona, la prenotazione obbligatoria: montefalco@sistemamuseo.it, 0742.379598.
‘Sagrantino Experience’, cartellone di eventi ideato dall’associazione Strada del Sagrantino, prosegue per la stagione primavera estate fino al 28 settembre con la sua proposta tra arte, storia, visite in cantina, degustazioni e attività nella natura.


IL NUOVO VOLTO DI PALAZZO COLLICOLA PIACE AI VISITATORI

Spoleto e 14/08/2019
Palazzo Collicola, a poco più di un mese dall'inaugurazione del nuovo volto della Galleria d’Arte Moderna G. Carandente ha visto un rilevante aumento delle presenze pari al 27% (stesso periodo 2018), infatti tra il 29 giugno e il 31 luglio 2019 si sono registrati 1955 ingressi, un trend in crescita registrato anche nella prima settimana di agosto; numerosi turisti, cittadini, docenti, studenti e appassionati d’arte che lungo il tempo di visita confermano il gradimento con positivi apprezzamenti.

Il recente riallestimento della collezione, basato su un principio tematico, articolato su diciotto sale, viene apprezzato anche per la dotazione di un accurato apparato didattico.

In concomitanza dell’apertura del nuovo allestimento della Galleria d’Arte Moderna, presso il Piano Nobile si sono inaugurate due mostre temporanee degli artisti Loris Cecchini con Hypermeasures e Bruno Ceccobelli con MormoriiMarmorei.
Loris Cecchini, propone sculture modulari che ha adattato alla base esterna in piazza davanti al palazzo e sospende altre sculture nella sala affrescata del barocchetto spoletino, facendo interagire i motivi floreali d’inizio ’700 al piano nobile della galleria con motivi floreali della sua opera. Bruno Ceccobelli, ha concepito un itinerario di sculture in tredici stanze, con frammenti di corpi e di parti anatomiche dedicate al ciclo della vita nello spirito iniziatico dell’artista. Un felice e apprezzato connubio espositivo che cattura l’attenzione generale incontrando il favore e il gradimento del pubblico.

A riconfermare l’interesse di vivere a pieno il nuovo volto di Palazzo Collicola è stato il folto gruppo di visitatori presenti venerdì 2 agosto scorso in occasione della presentazione della “Galleria d’Arte Moderna di Spoleto “G. Carandente” tenuta dal direttore di Palazzo Collicola Marco Tonelli, l’occasione era il primo incontro degli appuntamenti speciali del venerdì di Mezz’ora dopo la chiusura – Il nuovo volto di Palazzo Collicola, a cura di Sistema Museo, ideati grazie alla collaborazione con il direttore del museo.

Nei mesi di agosto e settembre, al fine di dare massima diffusione del nuovo volto di Palazzo Collicola si è dato il via ad un programma di visite guidate interamente dedicato ai temi del rinnovato allestimento museale, questi sono gratuiti e aperti a tutti. Per venerdì 9 agosto alle ore 19.30 è previsto Ugo Mulas, 1962 – Un diario per immagini, dedicato alla grande mostra Sculture nella città e alla preziosa documentazione fotografica presente nella prima sala del museo. Venerdì 16 agosto sarà la volta di Cecilia Metelli, storica dell’arte che tratterà l’arte concettuale di Sol LeWitt. A seguire il 23 agosto lo storico dell’arte Lorenzo Fiorucci presenterà Le sculture di Leoncillo, dal cromatismo barocco alla materia esistenziale; segue venerdì 30 agosto l’appuntamento incentrato sulla grande scultrice americana Beverly Pepper.

Nel mese di settembre sono programmati quattro incontri: venerdì 6 la Dott.ssa Giulia Massari presenterà il Premio Spoleto, la Mostra Nazionale di Arti Figurative (1953-1968) per proseguire venerdì 27 con il tema “I sei di Spoleto, De Gregorio, Marignoli, Rambaldi, Raspi e Toscano”.

In occasione della mostra MormoriiMarmorei venerdì 13 settembre sarà lo stesso artista Bruno Ceccobelli a presentare la mostra allestita all’interno delle sale del Piano Nobile del Palazzo (29 giugno – 29 settembre). Venerdì 20 settembre la Prof.ssa Stefania Petrillo tratterà il tema Calder e la regola della disparità, un approfondimento dedicato al grande artista americano, cui è dedicata un’intera sala della Galleria d’Arte Moderna Giovanni Carandente.

Le attività di valorizzazione promosse presso Palazzo Collicola prevedono inoltre nella giornata di venerdì 27 settembre alle ore 17.30 uno speciale appuntamento intitolato “Michelangelo Pistoletto allo specchio” a cura del Direttore Marco Tonelli e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Spoleto Ada Spadoni Urbani. Un incontro di dialogo tra l’artista Michelangelo Pistoletto, Marco Tonelli direttore di Palazzo Collicola e Alberto Fiz critico d’arte con la proiezione del film “Autoritratto attraverso mio padre”, 2019.

AVVIO PROCEDURA DI GARA PER RIPARAZIONE E MIGLIORAMENTO SISMICO IMMOBILI DEL MONASTERO DELLA STELLA

Spoleto e 14/08/2019
L’importo dei lavori da appaltare è di circa 2milioni e 400euro, sulla base di un finanziamento di 3 milioni stanziati dalla Regione Umbria. 630 sono i giorni di lavoro per effettuare un’operazione complessiva che servirà per il recupero strutturale di un sostanzioso corpo di fabbrica ad L, appartenente all’ex monastero della Stella, il cui lato lungo è visibile da Piazza Garibaldi. L’edifico fa parte dell’area che comprende i due ex monasteri della Stella e del Palazzo e due chiostri, i resti dell’anfiteatro romano e un sistema di ex caserme si sviluppa su una superficie complessiva di circa mq 16.000. Si tratta di una vasta zona del centro storico la cui riqualificazione rappresenta uno degli obiettivi della Giunta guidata dal Sindaco Umberto de Augustinis, la cui tutela e riqualificazione vengono giudicate strategiche per lo sviluppo futuro di Spoleto. Sono allo studio ipotesi progettuali per ospitare nella zona un centro europeo di alta formazione e ricerca per le attività di studio e di prevenzione sismica. Al contempo è prevista una iniziativa per illustrarne i progetti.

“Finalmente saremo in grado di affidare i lavori - ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Angelo Loretoni –necessari per il recupero di una significativa parte di quella che è una vera e propria città nella città, da troppi anni lasciata in stato di abbandono. Questi interventi ci consentono non soltanto di sanare il degrado dell’area, restituendo decoro e prestigio agli immobili che la caratterizzano, ma anche di avviare un progetto di più importante significato complessivo. Anche se si tratta soltanto di un primo passo, tali azioni di fatto segnano l’avvio organico di un disegno generale di recupero di un sistema di beni culturali che è fondamentale non solo per la città ma per il patrimonio storico-culturale europeo”.

We use cookies to give you the best experience. Read our cookie policy.